5 comandamenti per deliziare i vostri Ospiti in Hotel!
customer-satisfaction2
La parola ospite deriva dal latino hospes, –ĭtis, ‘colui che ospita e quindi albergatore’ e di ‘colui che è ospitato e quindi forestiero’
Come albergatori, vorremmo considerare noi stessi come fornitori di un ottimo servizio.
Gli ospiti sono contenti quando vengono accolti con il loro nome, offriamo il loro drink preferito e li facciamo sentire speciali, proprio come parte della famiglia. Ma erogare un buon servizio non è un compito facile bisogna gestire i momenti di  crisi, risolvere i problemi in modo professionale, mantenere la calma  e lavorare in armonia.

CERCA DI TRATTARE GLI OSPITI COME VORRESTI CHE LORO TRATTASSERO TE!

Rispettando questo comandamento, potrai erogare un servizio eccellente che a sua volta porta ad eccellere la soddisfazione dei clienti.

Date un’occhiata a questi semplici comandamenti, si possono attuare nella vostra filosofia aziendale di ogni giorno:

– Prestare orecchio:
fai capire ai tuoi ospiti che stai ascoltando i loro problemi, una comunicazione chiara e concisa è la chiave per un ottimo servizio clienti. Rispondere ai loro problemi e se non è possibile rispondere immediatamente, prendere nota ed essere sicuri che si risolvano al più presto. Si può metter su un sondaggio, che vi aiuterà a capire le esigenze del vostro ospite. Inoltre, tenersi in contatto attraverso i social media, e-mail e altri canali di comunicazione.

– Fate un po ‘di più:
Cercate di rendere dinamico il servizio di tutto il personale dell’hotel. Piccoli gesti come estendere la durata check-out, sconti inaspettati, piccoli regali o personalizzando il menu in base alle proprie esigenze è ciò che li colpisce. Queste piccole cose contano e possono aumentare il gradimento del vostro Hotel.

– Stare nella verità:
Se volete trasformare i vostri ospiti in ospiti ricorrenti, questo il un comandamento fondamentale.
Gli ospiti sono più propensi ad irritarsi quando non ricevono i servizi che avete promesso al momento della prenotazione.
Evitare di fare promesse che non potete mantenere.
Molti albergatori non attuano questo comandamento, promettono ma poi non hanno, questo per attrarre Ospiti e poi deluderli una volta giunti.

– Offrire un servizio personalizzato:
Ricordate sempre che gli ospiti felici spesso si trasformano in clienti fedeli. Formare il personale per fornire un servizio eccellente dal momento del check-in fino al momento del check-out. Assicurati che il tuo staff è preparato, disponibile e cortese, sentirsi dire NO, non piace al vostro Ospite.

– Monitorare e formare  il personale:
è più importante che mai, disporre di personale addestrato a gestire l’ospiti. Perché ogni disattenzione da parte del personale può scaturire una recensioni negativa sui social media, siti di recensioni e blog, generando danni in tempo reale alla reputazione del vostro hotel.
E ‘importante fornire una formazione al personale, su come gestire sia gli ospiti easy-going che quelli difficili. Addestrarli a risolvere i problemi e chiedere loro di osservare i loro manager su come gestire le situazioni. Tenere riunioni settimanali dove i dipendenti possono condividere le loro esperienze. Incoraggiare i dipendenti con piccoli regali o buoni, che permetteranno di rafforzare la loro fiducia nel lavoro svolto.

Nel settore alberghiero, la soddisfazione dei clienti dipende in larga misura dalla qualità del servizio. E per avere successo sul mercato, è importante che la direzione e il personale sono ben sincronizzati verso un unico obiettivo, quello di migliorare l’esperienza degli ospiti.

Dalla mia esperienza personale: aumenta la fedeltà con la soddisfazione dei clienti, quindi, clienti soddisfatti sono meno propensi a cambiare hotel, anche se i prezzi salgono. Il gradimento dei vostri ospiti è un fattore cruciale per il successo del tuo hotel e non è necessario spendere una fortuna per raggiungere la soddisfazione dei clienti.

A volte basta un sorriso!

Comments
All comments.
Comments

  1. pascal di francesco

    Sono d’accordo con te ma il 90% delle nostre strutture anno dipendenti sotto pagati e percuote su la clientela dando il servizio stanco e inefficace.

    1. Francesco Maria Gentile
      Francesco Maria Gentile

      Buongiorno francesco, ti ringraziamo per il tuo commento.
      Certo le retribuzioni sono un tasto dolente, io ho sempre pensato che un dipendente deve prima dimostrare le sue capacità, di conseguenza diventa indispensabile per l’azienda e potrà chiedere qualsiasi cifra.
      Oggi, ogni tipo di azienda, non guarda più alla Qualità del lavoro svolto dal dipendente, ma al profitto immediato che esso deve produrre.
      Io, cerco di stimolare i miei collaboratori nelle riunioni settimanali, cerco di coinvolgerli nella gestione dando molta importanza al loro operato. Il personale è l’azienda, questo deve entrare in testa prima alla proprietà della struttura.
      Grazie!